Francis Picabia Udnie (Young American Girl; Dance), 1913 Oil on canvas, 290 x 300 cm Centre Pompidou, Musée national d‘art moderne - Centre de création industrielle, Paris. Purchased by the State, 1948 © 2016 ProLitteris, Zurich

Francis Picabia
Udnie (Young American Girl; Dance), 1913
Oil on canvas, 290 x 300 cm
Centre Pompidou, Musée national d‘art moderne – Centre de création industrielle, Paris. Purchased by the State, 1948
© 2016 ProLitteris, Zurich

Una mostra monografica dedicata a Francis Picabia approfondisce la produzione multiforme dell’artista francese, che all’appartenenza a vita ad un singolo movimento artistico preferì la possibilità di sperimentare in autonomia

“La nostra testa è rotonda cosicché il pensiero possa cambiare direzione”: con un aforisma di Francis Picabia (Parigi 1879-1953) che tradisce un temperamento irrequieto e mutevole, la Kunsthaus di Zurigo titola l’ampia retrospettiva che – dallo scorso 3 giugno sino al 25 settembre – celebra l’artista francese e il centenario dell’avanguardia storica a cui il suo lavoro è tradizionalmente ricondotto: il Dadaismo. Nonostante – come l’esposizione mette ben in evidenza – Picabia fu sempre restio a lasciarsi inquadrare in uno solo dei tanti movimenti e circoli artistici che frequentò durante la sua esistenza.

Pochi sanno che Picabia esordì come pittore di stile impressionista. Erano gli anni dei suoi studi all’École des Arts Décoratifs di Parigi; i suoi quadri vendevano bene, ma Picabia si stancò presto di quella pittura che, ormai svuotata della sua carica sovversiva originaria, rasentava la decorazione. Così iniziò a familiarizzare con il Cubismo e nel 1913 decise di partire per New York, dove partecipò all’Armory Show e incontrò il fotografo e gallerista Alfred Stieglitz, che nello stesso anno gli dedica una mostra personale nella sua 291 Gallery. In Europa fa ritorno dopo la fine della Grande Guerra, nel 1916. Fu allora che divenne parte del movimento dada: ma anche questa fase della sua vita non durò a lungo, perché già nel 1921 Picabia lascia il Dadaismo per divergenze con gli altri esponenti.

Francis Picabia

Francis Picabia
Effect of Sunlight on the Banks of the Loing, Moret, 1905
Oil on canvas, 73.2 x 92.4 cm
Philadelphia Museum of Art. The Gertrude Schemm Binder Collection, 1951
© 2016 ProLitteris, Zürich

 

 

Negli anni Venti, come molti suoi colleghi, tra cui Picasso, Picabia attraversa quel periodo che è generalmente indicato come “ritorno all’ordine”, che si traduce in una pittura figurativa d’impianto classicista. In questi anni lavora anche come sceneggiatore, scenografo e costumista per la produzione del balletto Relâche e per il film Entr’acte, nel quale erano coinvolti anche Man Ray e Marcel Duchamp. Dagli anni Trenta sino alla sua morte, Picabia prosegue con le sperimentazioni, reinventa instancabile il suo linguaggio figurativo, ribadendo la sua indipendenza e la prerogativa di “cambiare direzione”.

Francis Picabia Jean Börlin and Edith von Bonsdorff in «Relâche», 1925 Gelatin silver print, 17.5 x 25 cm Dansmuseet - Museum Rolf de Maré, Stockholm © 2016 ProLitteris, Zurich

Francis Picabia
Jean Börlin and Edith von Bonsdorff in «Relâche», 1925
Gelatin silver print, 17.5 x 25 cm
Dansmuseet – Museum Rolf de Maré, Stockholm
© 2016 ProLitteris, Zurich

 

Francis Picabia

Francis Picabia
Mid-lent, 1925-1926
Oil and enamel paint on canvas, 100 x 81 cm
Jeff and Mei Sze Greene Collection
© 2016 ProLitteris, Zurich

 

Francis Picabia

Francis Picabia
Idyll, 1927
Oil and enamel paint on wood in an artist’s frame, 112.5 x 82.5 x 7.5 cm
Musée de Grenoble. Gift of Mr. Jacques Doucet, 1931
© 2016 ProLitteris, Zurich

 

Con la curatela di Cathérine Hug del museo svizzero e della curatrice del MoMA di New York Anne Umland, la retrospettiva alla Kunstahaus ripercorre ogni singola fase della carriera di Picabia, presentando, secondo un ordine prevalentemente cronologico, circa 200 opere, tra dipinti – dalle tele di stile impressionista ai noti quadri meccanomorfi – riviste d’avanguardia, esempi delle sue opere cinematografiche e teatrali e altri documenti che raccontano la poliedrica produzione di una delle più significative personalità artistiche della prima metà del Novecento.

Tra le opere in esposizione, anche una serie di tele che furono presentate in mostra nella galleria Dalmau, a Barcellona nel 1922, e per il cui catalogo André Breton scrisse la prefazione. La retrospettiva alla Kunsthaus è anche un’occasione per vedere riuniti, dopo quasi 70 anni, i tre Edtaonisl (ecclésiastique) dell’Art Institute of Chicago e Udnie, della collezione del Musée national d’art moderne di Parigi, realizzati poco dopo la visita dell’artista all’Armory Show ed esposti insieme al Salon d’Automne parigino nel 1913.

Dopo Zurigo, la mostra farà tappa al MoMA di New York, dal 20 novembre 2016 al 19 marzo 2017.

(Marta Pettinau)

__________________________

Informazioni utili

Our heads are round so our thoughts can change direction.
Francis Picabia. A retrospective
3 giugno – 25 settembre 2016
Kunsthaus Zürich
Heimplatz 1, CH-8001 Zurigo
www.kunsthaus.ch

Comments are closed.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
x
saluto