Banksy a WopArt 2017

Banksy a WopArt 2017

Ecco l’idea che si fissa su un foglio di carta. Forse un papiro, una pergamena, un foglio di riso oppure di gelso. Tra schermi e tecnologie digitali, la carta rimane un supporto fondamentale per la creatività e l’invenzione d’autore. Lo dice soprattutto l’arte: sulla carta si traccia l’ispirazione.

Lo scorso anno a Lugano è nata WopArt/Work on Paper Fair, fiera internazionale d’arte dove le opere sono tutte «Work on Paper», realizzate su carta, come sottolinea l’acronimo «Wop». All’inizio di settembre del 2016 portò nel Centro Esposizioni della città svizzera oltre cinquemila visitatori. Ora la fiera, organizzata da Lobo Swiss e diretta da Luigi Belluzzi, torna negli stessi spazi dal 14 al 17 settembre, con una seconda edizione presentata ieri alla Permanente di Milano.

Lichtenstein a WopArt Fair Lugano 2017

Lichtenstein a WopArt Fair Lugano 2017

Ad esporre saranno 62 gallerie provenienti da 11 Paesi selezionate da un comitato scientifico presieduto da Giandomenico Di Marzio, critico e curatore d’arte contemporanea, e Paolo Manazza, pittore e giornalista specializzato in economia dell’arte. WopArt inaugurerà giovedì 14 settembre presso il Centro Esposizioni di Lugano (via Campo Marzio) e resterà aperta al pubblico da venerdì 15 a domenica 17 (dalle 11 alle 19). «Abbiamo organizzato anche un programma mirato ai grandi collezionisti», ha sottolineato ieri Belluzzi, «che nella giornata inaugurale potranno accedere a una preview a loro dedicata».

Per quattro giorni WopArt sarà un luogo dove approfondire una nicchia di mercato in crescita, che conquista collezionisti e appassionati per la relativa accessibilità dei prezzi (opere di artisti noti possono essere acquistate anche con 5 mila dollari) e offre accesso a opere ricche dal punto di vista concettuale. Un panorama trasversale di lavori che spaziano dall’antico al moderno abbracciando tecniche, linguaggi e epoche diverse. Dal disegno e dalle incisioni antiche si giunge alla stampa moderna, al libro d’artista e alla fotografia d’autore. E poi acquerelli, stampe orientali, carte di artisti contemporanei. Si potranno incontrare disegni di Raffaello Sanzio, del Guercino, di Domenico Piola, serigrafie di Andy Warhol e litografie di Roy Lichtenstein e ancora Renoir, Miró, Klee, opere di Bruno Munari, Mario Schifano e Mimmo Paladino, fino a quelle dei writer Mr Brainwash e Banksy.

Katz a WopArt 2017

Katz a WopArt 2017

Accanto allo spazio dedicato al mercato, WopArt offrirà anche occasioni di approfondimento conWopArt/Talk: conversazioni e lectio magistralisdi artisti come Paolo Canevari, Emilio Isgrò, Joseph Kosuth, collezionisti quali Patrizia Sandretto Re Rebaudengo e Massimo Prelz; interventi del neuroscienziato Edoardo Boncinelli (sul «potere della carta») e della filosofa Lina Bertola (sull’«intelligenza delle mani») trasmessi anche in streaming sul sito www.wopart.eu.

I padiglioni fieristici ospiteranno anche quattro focus espositivi: la mostra 1930-1970: la fotografia d’avanguardia in Italia della collezione Prelz a cura di Walter Guadagni e Camera – Centro italiano per la fotografia di Torino; I mille volti del kabuki che presenta una raccolta di stampe giapponesi (ukiyo-e) provenienti dal Museo delle Culture di Lugano. E ancora in mostra ci saranno le opere su carta e libri d’artista appartenenti alle collezioni del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato ed Emilio Isgrò porterà a Lugano Storie rosse, un’installazione su carta del 1974 composta da 10 pezzi e conservata da un collezionista privato.

Paladino a WopArt Fair Lugano 2017

Paladino a WopArt Fair Lugano 2017

WopArt uscirà anche dagli spazi del Centro Esposizione e la città di Lugano (che patrocina l’evento) sarà teatro di un «fuori fiera» fatto di incontri ed esposizioni in diversi luoghi e gallerie.

«Il mercato delle opere su carta sta crescendo», ha aggiunto Paolo Manazza durante la presentazione. «Le case d’asta Sotheby’s e Christie’s hanno sviluppato cataloghi dedicati di Works on Papere negli ultimi cinque anni nelle vendite a New York (maggio) e a Londra (febbraio) sono state aggiudicate opere su carta per un controvalore di 178 milioni di dollari».

«Da Rembrandt a Canaletto, da Mimmo Rotella e William Kentridge, il processo creativo nasce da un foglio di carta, da un lapis o da una matita», ha aggiunto Giandomenico Di Marzio. «Poco conosceremmo dell’arte se non potessimo partire da qui».

LA FIERA

Dopo l’esordio nel 2016, WopArt – Work on Paper Fair, fiera internazionale dedicata alle opere su carta, si svolge al Centro Esposizioni Lugano (via Campo Marzio) dal 14 al 17 settembre. Info su wopart.eu «
La Lettura» del «Corriere della Sera» è main media partner della manifestazione organizzata da Studio Lobo, col patrocinio della Città di Lugano e di Biennale del Disegno di Rimini, Camera, Sbf+ e Visarte. Sponsor: Argos Wealth Administration, Etihad Regional, The View Lugano

(di Cecilia Bressanelli, Il Corriere della Sera)

Comments are closed.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
x
saluto