Beast - LOGO

Beast – LOGO

Fino al 31 luglio 2016 il favoloso laboratorio d’arte contemporanea Dream Factory espone a Milano una delle più esilaranti e politiche esibizioni di quest’anno. 200 Beasts è una mostra satirica, che gioca sui capi di stato europei, dove traspare nettamente la vena ironica dell’artista.

Beast, grande vignettista del XXII secolo, afferma di non ritenersi un artista. Modestamente spiega la sua tecnica di fotoritocco e collage, che purtroppo non sarà acquistabile, dati gli infiniti copyright violati con le sue stampe. La sua arte è un tentativo di riequilibrare la politica che sta alla base della grafica pubblicitaria che si trova sui pannelli in strada.

Stanco di messaggi pubblicitari che provochino imbarazzo o inadeguatezza, tanto più di pubblicità che puntino ad uniformare i desideri pubblici ad un concetto di massa. L’azione di Beast è l’ilarità, che prova a mettere in gioco su un campo di tizzoni ardenti, toccando episodi e personaggi più che scottanti. Nessuno scopo di lucro, nessuna volontà di successo, la sua ambizione è unicamente quella di far emergere la sua arte, prova il non aver mai visto l’identità dell’artista.

Donalad - Beast

Donalad – Beast

Una personalità provocatrice, che mira a raffigurare gli attacchi della politica europea condannandoli, dando un’immagine oltremodo estremizzata di ciò che meno conviene dei nostri capi di stato, facendo anche qualche regalo di compensazione, di tanto in tanto (come nel caso della Bindy). Non perdetevi la sua divertentissima esibizione presso la galleria di Paolo Borlenghi, in Corso Garibaldi 117 (Moscova), attiva fino a fine luglio.

Post a Comment

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this